Tag Archive for leonardo bertinelli

Dead factory – La fabbrica della bellezza

…..dopo tanto tempo torno a pubblicare qualche foto delle mie spedizioni ma stavolta ne sono uscito stravolto nel cuore….

Partiamo col raccontare che questa azienda produce apparecchiature abbronzanti e prodotti cosmetici di alta qualità e che sono impegnati in Brasile in un progetto nato per costruire strumenti e luoghi capaci di ridare al popolo sudamericano nuove speranze e possibiltà di crescita (preso dal loro sito).

Fin qui tutto bello, sito bello, prodotto bello, gente bella ma poi ti capita di infilarti “per caso” dentro un loro stabilimento completamente abbandonato…forse dove loro sono nati a discapito di altre vite.

inizialmente sembra un posto come tanti altri…pallosamente vuoto

giro per i vari piani dello stabile e vedo comparire i primi laboratori, si inizia a delineare qualcosa anche se non del tutto chiaro.

alcuni alambicchi strani

e macchinari dall’ ignoto utilizzo (almeno per me)

e una macchina vista solo nei fumetti…. la telescrivente

continuo per il mio girovagare e arrivo in una sala speciale

immediatamente penso “VAI FIGHISSIMO”, ma qualcosa che non mi torna affatto………. come mai un tavolo operatorio così piccolo???? BOH?!?!?!?!?!?!?

Da li parte la mia discesa negli inferi e il benvenuto me lo da un macabro pennuto

Da qui in poi inizio a capire quale prezzo ha la “BELLEZZA” umana in termini di vite esaminate

Centinaia di ratti tenuti in gabbiette in attesa di essere vedere quanto sono belli DENTRO

Biberon per sfamare cuccioli di cane intrappolati in gabbie anguste

 

Io me li vedo li dentro…in attesa di un amico che li venga a salvare guaendo per l’ultima volta….

CAZZO IO SONO IL MIGLIOR AMICO DELL’ UOMO……….

…e invece non arriverà nessuno solo la morte…

 

 

Coliandro’s Factory

 

Avete presente quei luoghi dove da sempre sai di non doverci andare? Quei luoghi dove leggi di continuo brutte cose? fanno retate? droga?….ecco a Bologna questo posto ha un nome che per il momento non vi svelo. Mi sono lasciato convincere ad andarci perchè il comune ha in mente di radere tutto al suolo per fare un superpolo tecnonogico, quelle dove le menti si scontrano e partoriscono idee geniali, di quelle che ti rivoluzionano il mondo e per cominciare….il cantiere è fermo da mesi, gli operai spariti e i mezzi d’opera vaporizzati solo macerie nella parte antistante la fabbrica. Almeno da articoli sul giornale dovrebbe essere stato del tutto sgomberato da cattivi individui. Ho appurato che non è del tutto vero ma nulla di grave.

Vi lascio alla gallery.

Perchè Coliandro’s Factory???? Semplicemente perchè al suo interno sono state girate svariate scene di un’episodio dell’ ispettore Coliandro, quindi se volete le coordinate vi guardate la puntata qui.

 

 

Grand Hotel Terme Titanic

 

_MG_6197

Ci sono pochi posti che fin’ora mi hanno colpito come questo. La trasposizione alla celebre nave che con i suoi fasti, la sua magnificenza,la sua stazza, i suoi personaggi celebri sembrava del tutto inaffondabile. Quando arrivi davanti all’ingresso realizzi di avere di fronte a te una struttura colossale, con una miriade di finestre che ti guardano vitree. Nel ventre della sua pancia i corridoi, come budelli, ti portano a stanze arredate di tutto punto  con mobilio anni ’70.

_MG_6218

Gli ambulatori, alcuni ancora intatti, ti ricordano che era un posto nato per curare le persone ancor prima di farle divertire. La parte termale mi rimanda un po’ al purgatorio, ove raccontano che ti cureranno senza mai riuscirci del tutto.

Il dedalo di scale e corridoi ci fa scoprire anche quello che è rimasto delle officine tali e quali a quelle del minuto mantenimento della caserme. Ma è il salone da pranzo che più mi colpisce; tavoli, seggiole, oliere tutto li come affondato nel tempo, come il Titanic in fondo al mare…

_MG_6199

…gallery…

 

Cementificio

Una gloria del passato che ci ha abbandonato, simbolo della rivoluzione industriale e ,sopratutto, della cementificazione selvaggia italiana.
Ricordo quando ci passavo davanti da ragazzo, una valanga di camion che entravano e uscivano dai cancelloni carichi di premiscelati per costruire chissà quali potenti strutture.
Un incessante andirivieni di persone che vivenano e ruotavano dentro e fuori dal cementificio.
Poi arriva il 2008, la crisi dell’edilizia… il silenzio totale. Le ciminiere smettono di fumare, le bianche polveri spariscono, i camion prendono altre strade, i polmoni ringraziano, la gente si dispera per un altro lavoro sparito…

…gallery…

gita alla KaBoom!!!!!!

Questa volta siamo andati a vedere una exfabbrica di prodotti esplodenti, una delle più vecchie in Italia. Al suo interno è rimasto ben poco del suo passato. solo qualche macchinario qua e la, forse nemmeno riferiti alla produzione. Il sito è enorme e non riusciamo nemmeno a visitarlo tutto ma è sicuramente frequentato in quanto troviamo avonque pallini da softair e un sacco di graffiti di qualità. Per lo meno è stata una buona occasione per ritrovare vecchi amici e di farne nuovi.

…gallery…

Visita alla cartiera

img_5323

Questo luogo lo reputo fra i più affascinanti che ho visitato fin’ora e quando qualcuno mi chiede cosa visitare lo mando qui, a colpo sicuro. Fin dall’arrivo sul sito si respira la storia industriale della mia terra, l’alta ciminiera in mattoni, visibile pure dall’autostrada adiacente, svetta indomita nel paesaggio facendo da segnaposto naturale. Dopo aver parcheggiato nei pressi del complesso entriamo senza alcuna difficoltà nella fabbrica. Devo ammettere che la vastità degli spazi è soffocante…chissà quali macchinari e quante merci erano stoccate qui…..

1_mg_7220

Un nido di colonne ci fa capire che la vera lavorazione con macchinari doveva avvenire al piano superiore. La zona che mi affascina ed adoro di più è quella che contiene i vecchi bollitori per la canapa e gli stracci; enormi palle arrugginite azionate da ingranaggi altrettanto grandi…mi immagino poche persone che lavoravano qui dentro, tra gas venefici e un inverno che non poteva mai entrare per il caldo sempre presente.

img_5342

Continuando la perlustrazione, incontriamo varie scalinate che ci portano al piano superiore ove possiamo trovare i resti del laboratorio chimico per le analisi del prodotto finito (credo) e quel che resta degli uffici. Innumerevoli corridoi si diramano in ogni dove per riportarci comunque al punto di partenza. E’ tutto collegato come in un semplice labirinto. Era proprio funzionale. I graffiti, di notevole fattura, sparsi un po’ ovunque ci tengono compagnia….non voglio rubare altro tempo…il silenzio….il tempo…

…gallery…

La cartiera del M.

Il conte Antonio M. acquista la cartiera del M. , appartenuta in passato anche a Giuseppe M., padre di Guglielmo. Dal 1873 l’opificio produce carta dai residui della canapa e dagli stracci. Il nuovo proprietario, sulla base di un progetto dell’ingegnere Alfredo E., riedifica dalle fondamenta lo stabilimento con macchinari moderni e aumenta notevolmente la produzione, anche dal punto di vista qualitativo. Alla fine del secolo un nuovo proprietario, Cesare R., lo destina alla fabbricazione di carta velina per sigarette. Nel 1919 la cartiera verrà unita assieme a un’altra , nella società Cartiere del M. e di B. Il principale artefice del grande sviluppo della società sarà Ettore M.: le carte per sigarette saranno tra le più ricercate in Europa tra gli anni Venti e gli anni Cinquanta. Lo storico stabilimento del M chiuderà nel 2008, dopo 135 anni di attività.

Oculus, la fabbrica dell’alcool e del bioetanolo

img_6959

Dopo aver esplorato  i miei ricordi d’infanzia ho iniziato a cercare nuove mete. Questo posto fa parte del nostro richissimo patrimonio industriale ed orgoglio nazionale….o almeno tanto tempo fa. Questa fabbrica era una delle maggior produttrici di bioetanolo a livello europeo. Il Bioetanolo era ed è ricavato dallo scarto della lavorazione della barbabietola da zucchero e si usa tutt’oggi come combustibile bio per autotrazione. Inoltre producevano alcool etilico per la produzione di liquori. I clienti di questa azienda erano ditte del calibro della Motta, Alemagna, Bauli, ecc… Alla chiusura, che arriva nel 2007,contava ben 42 dipendenti ma si dice che nei tempi d’oro ne contassi quasi 80.

Dopo estenuanti ricerche in rete per scovare questo gioiello industriale dismesso riusciamo a reperire le coordinate geografiche e decidiamo di organizzare la spedizione. Per questa meta arrivano amici persino dalle Marche. Dopo una bella colazione ci rechiamo al varco d’ingresso, non ufficiale ovviamente. Un  buco attraverso il muro di cinta della fabbrica. Al suo interno notiamo che la vegetazione si è reimpossessata di quasi tutta l’area. Tre cose mi colpiscono subito l’ occhio: la prima è l’altissima struttura torroidale in cemento armato con centinaia di finestre(suppongo che contenesse le spire tubolari per far evaporare e raccogliere l’acool grezzo), la seconda sono le immense cisterne che servivano a distillare l’alcool (credo, non è che conosco benissimo il processo), la terza il livello di furto che hanno commesso in questa area, oltre ad aver spolpato il solito rame qui hanno pure rubato,praticando enormi tagli, l’acciaio delle cisterne. Forse è dopo questo furto che hanno deciso di mettere un guardiano che “at capocchiam” gira per il sito, ed è proprio lui che ha (poco) gentilmente consigliato al gruppo di ripercorrere a ritroso la strada fatta è di andarcene…..pazienza…. qualche bello scatto ce lo siamo portati a casa. Ora vi lascio alle foto …gallery…

« Older Entries